La Sardegna dal 24 settembre in prima serata su Canale 5 con la serie tv “Isola di Pietro” interpretata da Gianni Morandi

 

La Sardegna dal 24 settembre in prima serata su Canale 5 con la serie tv “Isola di Pietro” interpretata da Gianni Morandi

È stata presentata oggi in conferenza stampa a Milano la serie tv “L’Isola di Pietro” che segna il ritorno in televisione di Gianni Morandi ed è interamente ambientata a in Sardegna.
La serie tv andrà in onda dal 24 settembre in prima serata su Canale 5 ed è prodotta per Mediaset da Lux Vide (I Medici e Don Matteo tra i tanti successi).

Alla conferenza stampa hanno partecipato Gianni Morandi, i produttori Matilde e Luca Bernabei, Daniele Cesarano direttore Fiction Mediaset, il direttore di Canale 5 Giancarlo Scheri, il regista Umberto Carteni e gli interpreti principali. Per la Sardegna era presente Nevina Satta, direttrice della Fondazione Sardegna Film Commission, in rappresentanza delle istituzioni isolane – in primis l’Assessorato regionale al Turismo – che hanno reso possibile la realizzazione della serie tv in Sardegna.

La serie è beneficiaria di due fondi della Sardegna Film Commission della Regione Autonoma della Sardegna (Fondo Sardegna Ospitalità e Fondo Filming Cagliari insieme al Comune di Cagliari), ed ha usufruito dell’assistenza della Fondazione nelle fasi di sviluppo e pre-produzione, in particolare per l’organizzazione degli scouting per la scelta delle location, per i casting, la permessistica per le riprese e la condivisione delle banche dati dei professionisti dell’audiovisivo in Sardegna: molti infatti gli attori e i tecnici sardi coinvolti nel cast e nella troupe.

«Mi sembra che questa serie sia venuta molto bene, lo dico da spettatore perché guardo molte fiction che vanno in onda» ha commentato scherzosamente Gianni Morandi che interpreta il protagonista della serie, «abbiamo avuto la fortuna di un cast meraviglioso, abbiamo vissuto quattro mesi insieme e siamo stati molto bene in un’isola che ci ha accolto veramente con grande affetto».

«Ringrazio Lux Vide che mi ha dato questa opportunità» ha sottolineato il regista Umberto Carteni «è stata un’esperienza straordinaria, sul set si è creata una vera famiglia e lavorare con Gianni è stato un vero onore, si è dimostrato un grandissimo lavoratore e mi ha sostenuto in questa grande prova».

«Presentiamo oggi un progetto in cui la Regione ha creduto fin dal primo istante e che abbiamo sostenuto come Assessorato al Turismo» ha dichiarato l’Assessore Barbara Argiolas, «una fiction girata e ambientata in Sardegna, che presenterà al grande pubblico televisivo una bella storia con protagonista Gianni Morandi e che farà anche location placement di diverse località dell’isola che noi sardi conosciamo e apprezziamo, ma sono ancora inedite per tanti spettatori italiani. L’auspicio è che “L’isola di Pietro” possa replicare il successo di altre serie TV popolari, entrare nel cuore degli spettatori e innescare anche la curiosità dei viaggiatori verso la Sardegna e i luoghi dove sono ambientati gli episodi. Il cineturismo è un fenomeno in costante crescita: in tutto il mondo le ambientazioni di film e serie TV sono meta di pellegrinaggio da parte dei fan, e anche in Italia i luoghi di don Matteo, Braccialetti rossi o Montalbano sono diventati ormai destinazione turistica a tutti gli effetti. »

«La Sardegna ci ha accolto in maniera calda, con la sua bellezza assolutamente spirituale e ancora incontaminata. Per rispettare tutto questo abbiamo seguito un protocollo green e ci teniamo molto a dirlo perché è stata un’esperienza importante: abbiamo usato mezzi sostenibili, fatto la raccolta differenziata, consumato a km0 senza sprechi ed eccedenze di cibo e acqua. E’ una sperimentazione che intendiamo portare avanti ed è un piccolo valore in più a questa serie» ha affermato Matilde Bernabei – Presidente di di Lux Vide – commentando la scelta di adottare sul set il protocollo green elaborato dalla Fondazione. Bernabei ha confermato che l’impegno della società per rispettare e proteggere il territorio sardo è in perfetto accordo con l’operazione di valorizzazione dell’autenticità e della sostenibilità del territorio, oltre che con il diretto coinvolgimento dei comuni che hanno ospitato la produzione, tra cui: Carloforte, Calasetta, Portoscuso, Cagliari e Carbonia.

La fiction “L’Isola di Pietro” è stata girata nel rispetto del protocollo ambientale della Sardegna Film Commission. A partire dal 2014 – e come prima film commission regionale italiana – la Fondazione si è impegnata a favorire le produzioni green sull’isola e a comunicare l’importanza di una filiera cine-tele-audiovisiva sempre più sostenibile anche dal punto di vista sociale ed economico. “Sardegna Green Film Shooting” è una guida che ha il triplice scopo di aiutare filmmaker e società di produzione ad adottare soluzioni semplici e pratiche per limitare l’impatto ambientale dei set, risparmiare risorse e condividere un modello di sviluppo innovativo e sostenibile.

«Non solo location mozzafiato ma una giovane squadra di professionisti isolani davanti e dietro la macchina da presa» ha commentato a chiusura Nevina Satta, direttrice della Sardegna Film Commission, «certamente L’Isola di Pietro rappresenta una forte opportunità lavorativa che se stabilizzata potrà diventare volano per nuovi investimenti nella filiera audiovisiva nel territorio anche grazie al Sardegna Green Film Shooting»