Il Parlamento Europeo approva la nuova direttiva sul copyright

Il Parlamento Europeo ha approvato oggi la nuova  direttiva per aggiornare le regole sul diritto d’autore nell’Unione Europea. La proposta sul Copyright ha ricevuto 438 voti a favore, 226 contrari e 39 astensioni. Gli eurodeputati hanno approvato alcune modifiche proposte dal relatore Axel Voss agli articoli 11 e 13 della proposta di direttiva sul copyright, che erano quelli più controversi e dibattuti. Il via libera della plenaria di Strasburgo apre ora la strada ai negoziati con il Consiglio e la Commissione, per cercare un’intesa sulla versione definitiva della riforma. La votazione definitiva è prevista per gennaio 2019. Dopo l’approvazione del Parlamento Ue, sarà compito degli stati membri mettere in atto la direttiva. 

Negli ultimi mesi la direttiva – che a luglio era già stata votata e bocciata dall’aula – era stata al centro di critiche e dibattito tra le parti interessate (esperti di diritto, attivisti, piattaforme online e grandi gruppi editoriali e dell’intrattenimento). La direttiva sul copyright è stata pensata allo scopo di aggiornare le regole sul diritto d’autore nell’Unione Europea ferme al 2001, quando le cose su Internet funzionavano diversamente. L’intento è armonizzare le leggi sul copyright nei singoli stati, dando basi comuni più chiare sulle quali ogni stato può poi elaborare i propri regolamenti. La nuova direttiva sul copyright vuole provare a bilanciare diversamente il rapporto tra le piattaforme online e gli editori, che da tempo lamentano di subire uno sfruttamento dei loro contenuti  senza un adeguato compenso.

Per scaricare il testo della direttiva CLICCARE QUI