Globi d’oro 2017: il cinema “Made in Sardegna” protagonista con i film sostenuti dalla Fondazione Sardegna Film Commission

nomination globi d'oro

Continuano le conferme per un cinema “made in Sardegna” che convince critica e pubblico: sono state infatti annunciate dall’ Associazione della Stampa Estera le cinquine dei Globi d’Oro 2017, i premi della Stampa Estera ai film italiani arrivati alla 57a edizione.
I vincitori saranno svelati durante la cerimonia di premiazione che si terrà mercoledì 14 giugno a Villa Medici.

La stoffa dei sogni di Gianfranco Cabiddu, già miglior sceneggiatura non originale ai David di Donatello 2017 – reduce dai successi del tour americano dove il film è stato premiato allo Houston Film Festival e al Washington Film Festival – torna in pole position come miglior film e per la miglior fotografia di Vincenzo Carpineta.

Chi salverà le rose? di Cesare Furesi, film rivelazione dell’anno, è nella cinquina per la migliore opera prima, con il protogonista Carlo Delle Piane nominato anche come miglior attore protagonista e la miglior colonna sonora di Marcello Peghin.

Se queste sono le cinquine finali, altre opere “made in Sardegna” sono state selezionate dalla stampa estera nei mesi scorsi per le varie categorie, tra cui Silenzi e Parole di Peter Marcias per il documentario, Waiting for di Matteo Pianezzi  e A casa mia di Mario Piredda (già vincitore del David di Donatello 2017) per il cortometraggio.

“Le tante nomination raccolte da ben cinque opere sostenute dalla Fondazione Sardegna Film Commission (alcune anche dal Fondo Ospitalità), diversissime per ispirazione, linguaggio ed estetica, eppure tutte accomunate da una grande ambizione ed altissima qualità produttiva, confermano che si può restare autentici producendo industria, parlare al mondo uscendo dal localismo, celebrare la Sardegna con storie universali e di forte impatto internazionale” commenta soddisfatto Antonello Grimaldi, Presidente della Sardegna Film Commission.

“E’ stato un anno straordinario per il cinema sardo che, successo dopo successo, ha confermato una indiscutibile crescita e vitalità culturale del comparto. Per la Regione, che crede e sostiene il settore cinematografico, è motivo di vanto e orgoglio. Ringrazio tutti coloro che si impegnano in questo difficile lavoro, fatto anche di promozione della nostra isola, sperando in risultati sempre più prestigiosi e soddisfacenti per gli addetti ai lavori, il nostro territorio, le ricadute a livello culturale, turistico ed economico” ha concluso l’Assessore regionale alla pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport, Giuseppe Dessena.