Continuano i successi per “FIORE GEMELLO” di Laura Luchetti, miglior film alla quarantesima edizione del Festival del Cinema Mediterraneen di Montpellier

“FIORE GEMELLO” vince  il premio principale della quarentisma edizione del Festival del Cinema Mediterraneen di Montpellier, aggiudicandosi l’Antigone d’Oro come miglior film.  A premiare il film, una giuria composta da Lola Naymark, Jacques Boudet, Gérard Meylan, Robinson Stévenin e presieduta dal regista e produttore Robert Guédiguian. Il film si è aggiudicato inoltre un contributo di 15.000 euro assegnato dalla città di Montpellier per la distribuzione francese del film.

Nelle parole della critica francese, il film «fonde con sensibilità e abilità il tema eterno della transizione all’età adulta con il dramma contemporaneo dei giovanissimi migranti. Un film meraviglioso, universale, accattivante come una favola, elettrizzante come un’avventura, militante come un documentario».

«Vincere il premio Antigone d’oro a Montpellier è stata una gioia enorme ed inaspettata – commenta la regista – Un grande onore riceverlo da una giuria così importante e dalle mani del suo presidente  Robert Guédiguian»

L’opera di Laura Luchetti, presentata in anteprima mondiale alla quarantatreesima edizione del Toronto International Film Festival dove si è aggiudicata la prestigiosa menzione speciale FIPRESCI (Federazione Internazionale dei Critici Cinematografici), ha riscosso consensi anche al Busan International Film Festival in Sud Corea, al BFI London Film Festival – uno dei più prestigiosi appuntamenti del cinema europeo patrocinato dallo storico British Film Institute – per arrivare il 24 ottobre scorso, alla prima italiana nella selezione ufficiale di Alice nella Città della Festa del Cinema di Roma.

“FIORE GEMELLO” è la storia di due adolescenti provati dalla vita, che cercano di riconquistare l’innocenza perduta. Anna è scappata da un episodio violento che l’ha traumatizzata. A causa di ciò che le è successo, ha perso la voce. Per strada viene salvata da Basim, un clandestino della Costa d’Avorio. Insieme intraprendono un viaggio attraverso terre deserte, boschi, villaggi e paesaggi della Sardegna. La loro odissea raggiungerà il suo apice in un atto disperato di violenza, che finalmente li renderà liberi e pronti a camminare insieme verso il futuro.

Interpretato dagli esordienti Kallil Kone e Anastasyia Bogach e da Aniello ArenaMauro AddisFausto Verginelli, Alessandro Pani e Giorgio Colangeli, è prodotto da Giuseppe Gallo per Picture Show, in associazione con Donkadillo, con il contributo di MibacRegione Autonoma della SardegnaFondazione Sardegna Film Commission con i fondi Sardegna Ospitalità e Filming Cagliari e la collaborazione di Rai Cinema.

Plauso nelle parole di Marzia Cilloccu, assessore alle Attività produttive, Turismo e Politiche delle pari opportunità del Comune di Cagliari: «grande soddisfazione per aver sostenuto la produzione di un progetto cinematografico dove viene trattato con maestria ed estrema naturalezza il tema dell’integrazione attraverso l’amicizia, sullo sfondo del paesaggio incontaminato che caratterizza la nostra isola. L’amministrazione continua a scommettere sul cinema con il fondo Filming Cagliari come veicolo di promozione del territorio e sostegno all’indotto che ruota intorno a questa importante industria».